P a b l o      P i c a s s o

ritratto in colori bianco e nero del pittore pablo picasso
Pablo Picasso nasce nel 1881 a Malaga, in Spagna
Figlio di José Ruiz y Blasco e María Picasso y López. Il padre di Picasso, José Ruiz, era un pittore specializzato nella rappresentazione naturalistica, e fu professore presso la locale scuola di belle arti e curatore di un museo. Il giovane Picasso manifestò sin da piccolo passione e talento per il disegno. Fu il padre ad impartire a Picasso le basi formali dell'arte figurativa, quali il disegno e la pittura a olio. Picasso non terminò i corsi superiori all'Accademia di San Fernando di Madrid, lasciando l'istituto entro il primo anno di studi. Dopo aver trascorso a Malaga i primi dieci anni della sua vita e dopo aver abitato a La Coruna sino ai quattordici anni, Picasso si trasferisce a Barcellona e vi resta fino all'età di ventiquattro anni. Durante i quattro anni che passò a La Coruña, Picasso sviluppò queste nozioni tecniche ad un punto tale che suo padre, un giorno, notando la qualità eccezionale di un esercizio di disegno che egli stesso aveva proposto, decise di consegnare definitivamente al figlio la tavolozza e i pennelli.
cubismo e picasso
Fece questo gentil gesto considerandolo, fin da allora, in grado di farne un uso molto migliore di quanto lui stesso ne avesse mai fatto. Il passaggio da una città andalusa piena di allegria e di luci colorate ad una tetra città galiziana fu sicuramente, nella formazione della personalità del pittore, una esperienza importante. Picasso, avendo raggiunto il massimo grado di perfezione nella tecnica appresa da suo padre, acquistò una grande fiducia in se stesso, al punto tale, di realizzare, non ancora quattordicenne, una mostra dei suoi lavori a la Coruna. Durante il periodo barcellonese, l'opera di Picasso ha subito una evoluzione di notevole importanza. Era più che naturale che Picasso, tenuto conto delle realizzazioni dei suoi nuovi amici e delle opere che richiamavano all'impressionismo e al postimpressionismo, cominciasse a liberarsi dalla rigidità accademica per lanciarsi in creazioni di ben più ampio respiro e di maggior forza espressiva.
picasso les demoiselles d'avignon
Agli inizi si avverte un certo schematismo delle forme e l'uso di un cromatismo più audace e più libero. Non si può dire che Picasso sia passato attraverso una tappa impressionistica; in realtà, se adottò la tecnica divisionista non fu affatto con lo scopo di dissociare la luce e di fissare gli elementi fuggenti della natura. Egli usa forme semplici e colori puri soprattutto per ottenere una maggiore intensità espressiva. Durante la seconda guerra mondiale Picasso rimase nella Parigi occupata dai tedeschi. Riuscì inoltre ad evitare il divieto di realizzare sculture in bronzo, imposto dai nazisti per economizzare il metallo. Uno dei più famosi lavori di Picasso è "Guernica", tela dedicata al bombardamento della cittadina basca di Guernica ad opera dei tedeschi, in cui sono rappresentate la disumanità, la brutalità e la bestialità della guerra.
ritratto di pablo picasso
Quello di Guernica fu infatti il primo bombardamento aereo contro una popolazione civile inerme. La tela ha un forte significato simbolico: il toro rappresenta la furia della guerra, il cavallo il popolo ferito, i caduti a terra la sconfitta dell'umanità. Deformando i volti dei personaggi, le espressioni, riesce a denunciare in modo sconvolgente la guerra. Le sue espressioni artistiche, furono caratterizzate da diversi periodi ispirativi Il periodo blu, 1901-1904 consiste di dipinti cupi realizzati nei toni del blu e del turchese, solo occasionalmente ravvivati da altri colori. Si tratta, di una pittura monocromatica, basata su colori freddi, dove i soggetti umani rappresentati, appartenenti alla categoria degli emarginati e degli sfruttati, sembrano sospesi in un'atmosfera malinconica che simboleggia l’esigenza di interiorizzazione: l’umanità rappresentata è quella deprimente di creature vinte che appaiono oppresse e senza speranza.
pablo picasso periodo blu
Tra le opere di questo periodo ricordiamo: Donna con lo scialletto blu, Celestina, La stiratrice. Il periodo rosa, (1905-1907) è caratterizzato da uno stile più allegro, ravvivato dai colori rosa e arancione e ancora contraddistinto dagli arlecchini. Le idee sviluppate in questo periodo: Picasso frequenta Fernande Olivier e molti di questi lavori risentono positivamente della relazione tra i due, oltre che del contatto con la pittura francese. Nel Periodo rosa prevale un rinnovato interesse per lo spazio ed il volume nel quale la malinconia è sempre presente. I soggetti privilegiati sono arlecchini, saltimbanchi, acrobati ambulanti o comunque soggetti legati al mondo del circo quasi tutti i quadri rappresentano le persone del circo dietro le quinte, ma mai sul palco per far comprendere a tutti quanto sia difficile praticare quello stile di vita che è in netta contrapposizione con lo scopo del loro mestiere, e cioè..... il far ridere. Tra le opere di questo periodo ricordiamo: Famiglia d'acrobati e Donna col ventaglio.
picasso e il cubismo
Il periodo africano: la produzione Picassiana risultò influenzata dall'arte africana; se ne considera l'inizio col quadro Les demoiselles d'Avignon, in cui due figure sulla destra del dipinto sono ispirate da oggetti d'artigianato africano. La tappa successiva è quella "cubista" e con l'opera di Les Demoiselles d'Avignon, attraverso l'abolizione di qualsiasi prospettiva o profondità, abolisce lo spazio. Nella realizzazione delle figure centrali Picasso ricorda la scultura iberica, mentre nelle due figure di destra è evidente l'influsso delle maschere rituali dell'Africa. Sposatosi due volte, ebbe cinque figli da quattro donne diverse e numerose relazioni extra-coniugali. Nel 1918 sposò a Parigi O.Chochlova, una ballerina della troupe di Sergej Djagilev, per cui Picasso stava curando il balletto Parade. La Chochlova introdusse Picasso nell'alta società parigina degli anni venti. I due ebbero un figlio, Paulo. Nel 1927 Picasso conobbe la diciassettenne Marie-Thérèse Walter e iniziò una relazione con lei. Il matrimonio con Ol'ga Chochlova si concluse in una separazione . I due rimasero legalmente sposati fino alla morte della Chochlova, avvenuta nel 1955. Dalla relazione con Marie-Thérèse Walter nacque la figlia Maia. Marie-Thérèse visse nella vana speranza di unirsi in matrimonio all'artista e si suiciderà impiccandosi quattro anni dopo la sua morte. Dopo la liberazione di Parigi nel 1944, Picasso divenne il compagno di una giovane studentessa d'arte, Françoise Gilot. Insieme ebbero due figli, Claude e Paloma. Fu lei, unica tra le tante, a lasciare l'artista, stanca delle sue infedeltà. Comunque non rimase solo per molto tempo; conobbe Jacqueline Roque alla Madoura Pottery, mentre lavorava alla produzione di ceramiche da lui decorate. I due rimasero insieme fino alla morte dell'artista, sposandosi nel 1961. Pablo Picasso morì per un attacco di cuore l'8 aprile 1973 a Mougins, in Provenza, all'età di 91 anni. Fu sepolto nel parco del castello di Vauvenargues.
ENTRA NEL SITO DEL PITTORE GOA
Sito ufficiale del pittore Goa - Quadri moderni per arredamento casa e ufficio.
PER VISITARE IL SITO UFFICIALE DELL'ARTISTA GOA
QUADRI ASTRATTI MODERNI SU TELA

PITTORE GOA - THE ACTION PAINTER
B I O G R A F I A I  QUADRI  DI  GOA A C Q U I S T I
L'action painting G. de Chirico Salvador Dalì J. Pollock
SPAZIOGOA.COM E' IL SITO UFFICIALE DELL'ARTISTA GOA. VENDITA QUADRI ON LINE.
GOA STUDIO & GOA GALLERY, VILLASIMIUS. ESPOSIZIONE DI QUADRI MODERNI FIRMATI PITTORE GOA

GOA STUDIO DI FABRIZIO SANNA, VIA BERNA SNC, 09049 VILLASIMIUS (CAGLIARI)
P.IVA 03187590926

Privacy Policy
ENGLISH VERSION
ENGLISH VERSION