G i o r g i o   de   C h i r i c o 

ritratto di giorgio de chirico
Giorgio de Chirico nasce a Volos il 10-07-1888, Grecia
La madre Gemma Cervetto, era una nobildonna genovese, ed il padre Evaristo, ingegnere responsabile della costruzione della linea ferroviaria Atene-Salonicco. Nel 1891 ad Atene nasce il fratello Andrea Alberto, che assumerà dal 1914 lo pseudonimo di Alberto Savinio per la sua attività di musicista, letterato e pittore. Giorgio si iscrisse al Politecnico di Atene per intraprendere lo studio della pittura, studio che continuerà all'Accademia di Firenze ed infine dal 1906 all'Accademia delle belle arti di Monaco di Baviera. In questo periodo conobbe la pittura di Arnold Böcklin e dei simbolisti tedeschi. Nel 1909 si trasferì a Milano dove rimase sei mesi, all'inizio del 1910, si recò a Firenze dove dipinse la sua prima piazza metafisica, l'Enigma di un pomeriggio d'autunno, nato dopo una visione che ebbe in Piazza Santa Croce. Nel 1911 de Chirico raggiunge il fratello Alberto a Parigi dove conosce i principali pittori dell'epoca, comincia quindi a dipingere quadri con uno stile più sicuro.
giorgio de chirico e la metafisica
Subisce l’influenza di Gauguin da cui prendono vita le prime rappresentazioni delle piazze d’Italia. Tra il 1912 e il 1913 la sua fama si propaga, anche se ancora non ottiene un adeguato successo economico. In questo periodo comincia a dipingere i suoi primi manichini. Negli anni parigini, Giorgio dipinge alcune delle opere pittoriche fondamentali per il xx secolo. All' inizio della prima guerra mondiale i fratelli de Chirico si arruolano volontari e vengono inviati a Ferrara. Dopo un primo periodo di disorientamento dovuto al cambiamento di città, Giorgio rinnova la propria pittura, non dipinge più grandi piazze assolate ma nature morte con simboli geometrici, biscotti e pani. Negli anni cinquanta la sua pittura è caratterizzata da autoritratti in costume di tipo barocco e dalle vedute di Venezia. La migliore produzione pittorica di de Chirico è avvenuta tra il 1909 e il 1919, nel periodo dell'invenzione della pittura metafisica.
metafisica quadri
I quadri di questo periodo sono memorabili per le pose e per gli atteggiamenti evocati dalle nitide immagini. All'inizio di questo periodo, i suoi soggetti erano ispirati dalla splendente luce diurna delle città mediterranee, ma ha rivolto gradualmente la sua attenzione agli studi di architetture classiche. Mentre era ricoverato all'ospedale militare di Ferrara nel 1917, de Chirico conobbe il pittore futurista Carlo Carrà, con cui iniziò il percorso che lo portò a perfezionare i canoni della pittura metafisica. A partire dal 1920 tali teorizzazioni furono divulgate dalle pagine della rivista "Pittura metafisica". Le opere realizzate dal 1915 al 1925 sono caratterizzate dalla ricorrenza di architetture semplici, proposte in prospettive non realistiche, immerse in un clima magico e misterioso, e dall'assenza di figure umane. Questa pittura sarà ispiratrice di architetture reali realizzate nelle Città di fondazione di epoca fascista, dove il Razionalismo Italiano, accanto a strutture razionaliste lavorerà anche su forme, spazi e particolari architettonici metafisici.
metafisica dipinti
Nei vari Interni metafisici dipinti in quegli anni, oggetti totalmente incongrui rispetto al contesto (come una barca a remi in un salotto) vengono rappresentati con una minuzia ossessiva, una definizione tanto precisa da sortire un effetto contrario a quello del realismo. Nel 1949-1950, de Chirico aderì al progetto della importante collezione Verzocchi (attualmente conservata presso la Pinacoteca civica di Forlì), inviando, oltre ad un autoritratto, l'opera "Forgia di Vulcano".Compare in questo periodo anche il tema archeologico, un omaggio alla classicità reinventata in modo inquietante: ne sono noti esempi Ettore e Andromaca (1917) e Ville romane. La figura del manichino, simbolo dell'uomo-automa contemporaneo (Il grande metafisico, 1917), gli fu invece ispirata dall'"uomo senza volto", personaggio di un dramma del fratello Alberto Savinio, pittore e scrittore.
de chirico quadri
In seguito, de Chirico partecipò all'esposizione di Berlino del 1921. Ebbe un periodo di contatto con il surrealismo, con cui espose a Parigi nel 1925: le sue opere successive si segnalano per il virtuosismo tecnico e rappresentano un tributo e un ringraziamento al periodo barocco. Secondo Ubaldo Nicola, alcune opere di G. De Chirico ed in particolare la pittura metafisica di cui egli fu iniziatore, sarebbero state ispirate dalle frequenti cefalee, di cui l'artista, proprio come Picasso, notoriamente soffriva, subendo il disturbo dell' aura visiva. La datazione e l'attribuzione di alcuni suoi dipinti è assai ardua, perché l'artista stesso produsse nel secondo dopoguerra repliche dei suoi capolavori del periodo metafisico. Giorgio de Chirico fu anche autore di scritti teorici e memorie a carattere autobiografico. Scrisse una vera e propria opera letteraria: L'Hebdomeros (Ebdomero).
ritratto dei gladiatori dipinto da giorgio de chirico
Uscita nel 1929, anni in cui il classicismo è nell'aria, imposto dal "Ritorno all'ordine" dell'epoca fascista, caldeggiato anche da riviste come "La Ronda" e "Valori Plastici" (De Chirico concluderà la sua opera con la formula "Pittore classicus sum"). E' un libro che si presenta come romanzo ma in realtà è un tipo di narrazione indefinibile: senza una storia riconoscibile né una trama, come una sorta di ininterrotta scenografia teatrale.  È un misto volutamente nebuloso, senza nessuna coordinata spazio-temporale in cui si alternano figure senza un ruolo determinato come gladiatori, generali, centauri, pastori... in un insieme di sogni, ricordi poco fedeli, suggestioni ipnagogiche, miti e riminiscenze che sono nient'altro che echi della sua pittura. Anche i luoghi sono quelli metafisici dei suoi quadri, che si spostano naturalmente nella loro innaturalezza (come in un sogno). Muore a Roma a novantanni, il 20 novembre, anno 1978 al termine di una lunga malattia.
ENTRA NEL SITO DEL PITTORE GOA
Sito ufficiale del pittore Goa - Quadri moderni per arredamento casa e ufficio.
VISITA IL SITO UFFICIALE DELL'ARTISTA GOA
QUADRI ASTRATTI MODERNI SU TELA
B I O G R A F I A I  QUADRI  DI  GOA A C Q U I S T I
PITTORE  GOA          CHOCOLAT  -  ANNO 2009
Pablo Picasso L'action painting Salvador Dalì J. Pollock
SPAZIOGOA.COM E' IL SITO UFFICIALE DELL'ARTISTA GOA. VENDITA QUADRI ON LINE.
GOA STUDIO & GOA GALLERY, VILLASIMIUS. ESPOSIZIONE DI QUADRI MODERNI FIRMATI PITTORE GOA

GOA STUDIO DI FABRIZIO SANNA, VIA BERNA SNC, 09049 VILLASIMIUS (CAGLIARI)
P.IVA 03187590926

Privacy Policy
ENGLISH VERSION
ENGLISH VERSION